Appalti, la responsabilità è tutta dei militari. Il Governo deve intervenire al più presto

Fonte immagine: Pixabay.com

ASPMI come parte della Rete sindacale militare è intervenuta su un tema che necessita di profonda attenzione: la regolamentazione degli incentivi tecnici previsti dal Codice degli Appalti

Un intervento politico sul tema è atteso da anni al fine di rendere pienamente operativo quanto stabilito dal Codice. Dopo un decennio, però, ancora nulla di fatto con i Governi che si sono susseguiti in questi anni che hanno giustificato la loro mancanza con la carenza di fondi

Personalmente riteniamo che più che altro sia venuta meno la volontà politica di intervenire sul tema, in quanto altrimenti una soluzione per stanziare le risorse necessarie si sarebbe trovata. Il che è imperdonabile in quanto da anni il personale militare è responsabile dell’esecuzione di contratti molto onerosi, con tutti i rischi del caso, mentre nel frattempo tanto i vertici politici quanto quelli militari non hanno avuto l’interesse a intervenire sul tema

Riteniamo però che questo Esecutivo abbia dato già prova di avere a cuore la tematica militare, tant’è che confidiamo che interverrà al più presto per trovare una soluzione a riguardo. 

Come ASPMI abbiamo chiesto al Governo un incontro urgente al fine di approfondire i temi connessi all’esecuzione degli appalti e permettere ai colleghi di ottenere la giusta tutela giuridica, assicurativa ed economica. Attendiamo fiduciosi, consapevoli del fatto che i Ministri interessati capiranno che il tema è delicato e che per questo necessita al più presto di un provvedimento ad hoc

Di seguito il testo del comunicato.

[pdf-embedder url=”https://www.aspmilitari.it/wp-content/uploads/2024/04/Comunicato-n.-8-Incentivi-tecnici-codice-degli-appaltiw-1.pdf” title=”Comunicato n. 8 – Incentivi tecnici codice degli appaltiw (1)”]